«

»

Mar 29 2010

Risultati: quel che resta del giorno

link » risultati (ITALIA)

link » risultati (LAZIO)

link » risultati (ROMA e provincia)

Nel momento in cui questo articolo sarà online, mi troverò nella “Fabbrica di Nichi” a Bari, per seguire lo spoglio in diretta con SEL-TV.

L’analisi post-voto dovrà aspettare i dati dei singoli candidati: aggiornerò questo articolo scrivendo qui di seguito, oggi stesso, probabilmente in tarda serata.

Seguendo il pericoloso principio della parresia, come ho dichiarato a tutti già durante la campagna elettorale, in quanto candidato di servizio il mio obiettivo realistico non è ovviamente quello di vincere, ma quello di portare acqua al mulino di Sinistra Ecologia Libertà. La quota fissata per poter dire di aver fatto un lavoro discreto come portatore d’acqua è 100 voti, una soglia che ho fissato da solo, basandomi sui risultati delle regionali del 2005.

Vedremo come finirà questo primo round: la cosa che posso assicurare è che a prescindere dal risultato, io continuerò a fare politica in SEL, allo stesso modo, con tutta l’energia che mi è possibile… Ovviamente con più voti è più facile 🙂

Diario di bordo: 30 marzo, 1:46 del mattino

Qualche commento a caldo, dopo una giornata passata nella Fabbrica di Nichi a Bari, tra un pass che non arriva o è del colore sbagliato, una telecamera che non vuole saperne di caricarsi, una linea internet che non funziona e Nichi Vendola che vince -di nuovo- le elezioni per la presidenza della regione puglia… con successivo letterale bagno di folla in piazza prefettura.

Parto da nord, perché stanno arrivando gli ultimi dati per il Piemonte: circa 10’000 voti di scarto tra la Bresso e il leghista (il nome non è rilevante, tanto sono tutti uguali).
http://www.repubblica.it/static/speciale/2010/elezioni/regionali/piemonte.html#risultati
L’interno nord se ne va in mano a questa destra razzista, affarista nel modo più becero, collusa e criminale. La parte produttiva, in mano a chi ricicla, inquina, distrugge, corrompe, abusa ed estorce. La sinistra ridotta ad un ruolo marginale. C’è di che riflettere su come iniziare ad invertire questa tendenza, servono delle analisi efficaci da parte di chi conosce bene quelle realtà.
Nel frattempo rifletto su quelle percentuali curiose raggiunte dal movimento 5 stelle, con propaganda unicamente giocata sulla rete: non saranno di certo da copiare nei contenuti, ma alcuni metodi di comunicazione io me li andrò a guardare con attenzione.

Mi sposto al centro, nel Lazio: un occhio di riguardo in quanto candidato. Scarto di 50’000 voti, in questo momento, pari all’1,9% di differenza, a favore della Polverini: le probabilità che si chiuda miracolosamente a favore della Bonino sono ormai quasi assenti, con 300 sezioni ancora da scrutinare.
Sembra indicativo (anche se ancora non ho potuto verificare) che sia stato applicato in modo consistente il voto disgiunto in favore della Polverini: scarsa fiducia nei confronti della radicale? Popolarità mediatica della post-fascista? Difficile a dirsi. Certo è che il Lazio si trovava in un lento percorso di risanamento economico, che verrà ovviamente distrutto in pochi mesi.
Più in generale, con il Lazio un’altra delle regioni più produttive d’Italia se ne va in mano a chi gestisce gli affari senza altra regola se non quella del profitto personale ad ogni costo (le risate post-terremoto ce le ricordiamo e lasciano poco spazio a eventuali dubbi in merito: si tratta della stessa risma).

Infine approdo a sud. Nichi Vendola tiene egregiamente e qui si sprecano le analisi dei giornalisti sulla “anomalia” del comunista gay cattolico che userebbe -dicono- tecniche mediatiche simili a quelle di Berlusconi. Per come la vedo io, la cosa miracolosa  e il motivo del successo di Vendola è principalmente un altro: chi lo conosce sa che può fidarsi di lui, che cercherà di agire per il bene comune e che farà in modo da poter essere controllato.
Purtroppo queste semplici regole, che dovrebbero essere alla base di ogni amministrazione, sono in effetti una anomalia nel panorama italiano. Una anomalia che -per fortuna- è esportabile.

Il lavoro da fare è enorme. Aiutate voi stessi: partecipate! Prendete il controllo delle vostre vite. Entrate nei partiti, portate idee, non siate timidi e abbandonate lo sconforto, dobbiamo lavorare insieme.

A presto (per il commento sui risultati dei singoli candidati, per quello che vale, vista la più che plausibile sconfitta).

Diario di bordo: 31 marzo, 1:03 del mattino

In conclusione, SEL elegge due consiglieri: Luigi Nieri e Filiberto Zaratti, entrambi assessori uscenti. Io mi fermo a 115 voti, risultato che potrei considerare soddisfacente, se avesse vinto contestualmente la Bonino, così com’è invece serve davvero a poco.
C’è molto da lavorare e c’è molta voglia di farlo: restiamo in contatto!

Non so ancora come cambiaranno questo sito e la fan page su facebook nelle prossime settimane: sono strumenti che hanno senso se vengono usati bene. Nel frattempo però assicuro che non mancheranno occasioni di incontrarci già nei prossimi giorni: bisogna capire quale possa essere il mezzo più efficace per garantire questo genere di comunicazione.

Candidato Luogo e data di nascita Pref.
NIERI LUIGI ROMA, 11 Ottobre 1954 7.812 – eletto
ZARATTI FILIBERTO ROMA, 26 Marzo 1956 5.839 – eletto
AZUNI MARIA GEMMA OLZAI NU, 20 Giugno 1948 5.441
LUCIANI ENRICO CIVITAVECCHIA RM, 08 Dicembre 1959 3.147
TIBALDI ALESSANDRA ROMA, 04 Giugno 1967 2.632
PACE MICHELA ROMA, 20 Ottobre 1971 1.851
SAPPINO LUCA ROMA, 23 Febbraio 1988 1.170
CINI MARCELLO FIRENZE, 29 Luglio 1923 913
CICCONE STEFANO ROMA, 07 Febbraio 1964 821
CIAMPICACIGLI MATTIA
DETTO CIAMPI
PISTOIA PT, 20 Luglio 1986 386
DI MARCO DOMENICO ROMA, 15 Settembre 1952 348
D’ANGELI DAMIANO ROMA, 19 Luglio 1989 335
MARAFANTE TIZIANA ROMA, 21 Novembre 1954 335
PERSIA FRANCA ALFEDENA AQ, 06 Giugno 1954 332
PALLOTTINO GAIA ROMA, 31 Maggio 1941 317
SYLOS LABINI STEFANO BOLOGNA, 17 Giugno 1961 266
LUCATELLO GIANFILIPPO ROMA, 24 Novembre 1963 256
INDIRETTO GIOVANNA TARANTO, 04 Maggio 1950 246
ABBAI YEWHANIS DETTO
GIOVANNI
ROMA, 11 Settembre 1978 205
ALLAMPRESE ROSSELLA ROMA, 25 Novembre 1965 204
SPINAZZOLA FRANCESCO ROMA, 07 Giugno 1951 199
AVERSA SAVERIO LOCRI RC, 25 Giugno 1959 195
RUSSO GIOVANNI DETTO
LUTHER BLISSETT
ROMA, 15 Ottobre 1980 186
POSSANZINI MARCO ROMA, 25 Settembre 1976 168
DE LUCA GUERINO FORMIA LT, 02 Maggio 1958 148
SCIPIONI EMMA ROMA, 22 Gennaio 1985 145
MINGARELLI STEFANO FROSINONE, 19 Settembre 1971 142
MERCURI VALENTINA ROMA, 15 Febbraio 1990 141
DEL SIGNORE GIUSEPPINA ROMA, 28 Settembre 1957 139
COCCO MARIO CHIETI, 18 Ottobre 1938 133
SOLINI SILVANO TIVOLI RM, 25 Novembre 1945 123
FIORE VINCENZO GUIDO BARI, 20 Febbraio 1979 115
TOSCHI GIANFRANCO ROMA, 19 Giugno 1970 109
CUCCHI ALESSANDRO ROMA, 13 Dicembre 1979 94
COCUROCCIA PAOLO ROMA, 30 Novembre 1978 86
SANTOS MENDES ROSALIA
ALEXANDRINA DETTA
ROSA MENDES
FEIRA DE SANTANA (BRASILE), 27 Febbraio 1948 69
DANESE ADELIA ZURIGO (SVIZZERA), 27 Agosto 1962 67
NICHINONNI STEFANIA ROMA, 28 Marzo 1960 62
COPPOTELLI ANGELO FERENTINO FR, 25 Aprile 1973 45
BRANDIMARTE VITTORIA A BORDO DELLA NAVE G.CESARE, 13 Agosto 1943 41
CREMONESE ADRIANA CHIETI, 04 Aprile 1952 33

%d bloggers like this: